zanotti.fabrizio@gmail.com

La pizza con materie prime della Valle Camonica.

Video prodotto nell’ambito del corso “I Luoghi del Cibo” organizzato nel 2021/22 da Comunità Montana di Valle Camonica | Maraea.it.

Partecipa alla nuova edizione, l’upgrade “Comunicare le Comunità”: impareremo a realizzare short in collaborazione con la testata VD News e docenti con esperienza nazionale ed internazionale.

SCOPRI LA NUOVA EDIZIONE DEL CORSO

No Comments

Cinque cose da fare a Breno.

Video prodotto nell’ambito del corso “I Luoghi del Cibo” organizzato nel 2021/22 da Comunità Montana di Valle Camonica | Maraea.it.

Partecipa alla nuova edizione, l’upgrade “Comunicare le Comunità”: impareremo a realizzare short in collaborazione con la testata VD News e docenti con esperienza nazionale ed internazionale.

SCOPRI LA NUOVA EDIZIONE DEL CORSO

No Comments

Video prodotto nell’ambito del corso “I Luoghi del Cibo” organizzato nel 2021/22 da Comunità Montana di Valle Camonica | Maraea.it.

Partecipa alla nuova edizione, l’upgrade “Comunicare le Comunità”: impareremo a realizzare short in collaborazione con la testata VD News e docenti con esperienza nazionale ed internazionale.

SCOPRI LA NUOVA EDIZIONE DEL CORSO

Intervista alla giovane fornaia Francesca della Forneria Fiorini, realizzata nell’ambito del corso “I luoghi del Cibo” organizzato da Comunità Montana di Valle Camonica.

No Comments

Armando Furloni nasce a Malegno, nella Valle dei Segni. Nel 1978 ha fondato la società SIAS oggi tra le più importanti aziende Italiane che operano nella segnaletica stradale. In questo video Armando ed il nipote Claudio offrono alcuni ricordi personali legati a questa antica fucina che oggi è parte del Museo “Le Fudine” .

Il Museo “Le Fudine” è sorto nel 1998 per volontà dell’Amministrazione Comunale di Malegno. Obiettivo del museo è di conservare e presentare al pubblico le fucine, uno dei più interessanti monumenti di archeologia industriale della Valle.

L’edificio originale, che si compone di due diverse officine, le “fudine de’ Serini e de’ Nani”, presenta un impianto tardogotico che fa pensare ad una sua fondazione al XIV – XV sec.. La struttura è stata più volte rimaneggiata nel tempo, per adattarla alle esigenze della lavorazione tradizionale – detta “ferrarezza” – che è proseguita fino a pochi decenni fa con la produzione di grattuggie, mestoli, palette da fuoco e picconi. Oltre agli spazi principali con i forni, i magli, i maglioli, la tromba idraulica (“tina de l’ora”), la mola e le incudini, si trovano anche altri piccoli vani che ospitavano la cesoia ed i magazzini per il ferro ed il combustibile. Quasi tutti i macchinari della fucina erano azionati dalle ruote idrauliche poste nel canale dove scorreva l’acqua proveniente dal vicino torrente Lanico.

La fonte di energia che muove gli strumenti della fucina è l’acqua del canale adiacente.
La ruota idraulica esterna aziona l’erbor (braccio) che, a sua volta, trasmette il moto al maglio.

No Comments

Nel 1987 l’attrice italiana Monica Vitti viene incoronata regina della risata durante il Funny Film Festival.

No Comments

Anna Bonfadini racconta la Santa Crus di Cerveno

Link: | Località collegata: Cerveno

Anna Bonfadini è stata una figura di rilievo per la comunità ci Cerveno, maestra per oltre 30 anni e Sindaco dal 1980, per cinque mandati.

Questa intervista del 1982 è parte di uno speciale televisivo dedicato alla manifestazione decennale della Santa Crus di Cerveno.

In questo stralcio d’intervista Anna Bonfadini offre una definizione dell’evento che oggi, a distanza di molti decenni, definisce anche il senso di Maraea, l’archivio della memoria della Valle Camonica: “fra i cervenesi e la Santa Crus c’è un legame che sarebbe interessantissimo ricercare nell’inconscio collettivo ed individuale. Come ripeto la Via Crucis, le Cappelle, fanno parte del patrimonio culturale, artistico, storico e direi genetico della gente di Cerveno e direi anche dei bambini”.

Nel 1982 Anna Bonfadini parlava di “Patrimonio immateriale”, definizione molto utilizzata oggi e che sta alla base di numerosi progetti culturali che hanno caratterizzato le attività delle istituzioni locali, regionali e nazionali negli ultimi 20 anni.

Parlando del rapporto tra la popolazione e la Santa Crus, Anna Bonfadini che all’epoca era al suo primo mandato come Sindaco, offre un’idea di comunità coesa e in armonia ricordando che “chi partecipa alla manifestazione non lo fa per esibizionismo personale ma per partecipare e dare il proprio contributo […] si accettano i ruoli con grande disponibilità proprio per questa partecipazione corale, perché la manifestazione riesca”.

Maraea si unisce al ringraziamento finale del giornalista Eugenio Fontana: “grazie a voi per quello che avete fatto per Cerveno e per la Valle Camonica”.

Tutti i diritti riservati a :
Comunità Montana di Valle Camonica – Brescia
Vedi anche: turismovallecamonica.it | vallecamonicacultura.it | segnoartigiano.it | vallecamonicaunesco.it